Alla bocca della veritá niente finzioni

In molti sono rimasti a “bocca aperta” dopo aver constatato la mancata presenza del Gen. Antonio Pappalardo, alla manifestazione del 10 ottobre presso la “bocca della verità”, a Roma.

Stupore che forse si trasformerà presto in “schiaffo metaforico” per risvegliare gli animi delle persone, dal torpore nel quale sono entrati, forse anche grazie alle abbondanti irrorazioni di scie chimiche contenenti anche “litio”, abbondantemente sparate il giorno prima nei cieli della capitale.

Il Generale Pappalardo, e i Gilet Arancioni, hanno come obiettivo ben chiaro e preciso quello di mandare a casa il governo attuale di Giuseppi e company, governo totalmente illegittimo in compagnia del Capo dello Stato anche lui illegittimo.

Alla manifestazione di ieri alla quale i soliti asserviti di regime hanno dovuto compulsivamente affibbiare le solite 4 o 5 etichette che finiscono tutte con “- ISTI” ha presenziato solo una piccola rappresentanza di Gilet Arancioni in forma di partecipazione e sostegno ai “semplici” manifestanti, poichè il VERO obiettivo del MGA è quello di mandare a casa il governo illegittimo attuale e portare il popolo ad esercitare il sacro santo diritto di VOTO, per scegliere le persone dalle quali farsi rappresentare e governare.

La manifestazione in quanto semplice forma di protesta senza un obiettivo mirato serve solo per dare sfogo all’insoddisfazione, mentre in questo momento occorre essere fattivi, cioè impegnarsi sia individualmente che in massa per mandare il messaggio CHIARO E TONDO che il popolo italiano non vuole essere soggetto passivo della dittatura che questo governo sta portando, compiendo tutte quelle operazioni necessarie afinchè la gente sia talmente spaventata e impaurita da rimanere chiusa in casa senza possibilita’ di scendere in piazza.

Quindi il progetto politico del Movimento Gilet Arancioni non è semplicemente la lamentela o il vittimismo, come si possono intendere le “manifestazioni da sfogo”, ma è quello di raccogliere e unire più persone che responsabilmente sappiano informarsi e dare il giusto peso alle comunicazioni manipolatorie che vengono diffuse dal main stream e di conseguenza rendersi anche coscienti di essere soggetti ai quali devono essere riconosciuti i propri DIRITTI UMANI, tra i quali la libertà di pensiero, di espressione, di voto e molti altri ancora.

Questo è l’ampio respiro dei temi cari al Generale Pappalardo, cuore pulsante del Movimento dei Gilet Arancioni e ovviamente di tutti quelli che credono in questo progetto attuabile con la partecipazione di molti.

 

Dr.ssa Stefania Rebuscini

Un pensiero su “Alla bocca della veritá niente finzioni

  1. Massimiliana dice:

    Esatto ci stanno manipolando, usando come burattini, non ci sto.
    I nostri diritti non devono essere calpestati da nessuno.
    Bravissima complimenti esponi sempre con chiarezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *